Ripensare il veneto. Cultura e sussidiarietà

Nel 2006 la Fondazione Mazzotti, su incarico della Regione, avviato il lavoro con una complessa ridefinizione del concetto stesso di identità regionale, volto ad un approccio non ideologico e pragmatico che ha visto coinvolti in un’ampia riflessione le principali articolazioni socio-economiche della Regione. Nel 2008 ha preso avvio la seconda parte dello studio, con un approfondimento straordinariamente fertile sul rapporto tra Cultura e Paesaggio, riflessione resa eccezionalmente attuale dal contemporaneo lavoro in corso sul nuovo PTRC e sul Piano Paesaggistico Regionale, che si è concretizzata in un incontro pubblico ad Oderzo e in un importante volume, ancor oggi oggetto di particolare attenzione da parte degli addetti ai lavori. Nel 2009 inizia  la terza indagine, questa volta indirizzata a esplorare i rapporti tra Turismo e Cultura, indagine a larghissimo spettro, che ha visto il pieno coinvolgimento di tutti gli stekeholders del sistema e che a breve si concretizzerà in un’altra pubblicazione di sicuro interesse e in un momento pubblico di presentazione.

La quarta edizione affronta il tema di grande attualità di “Cultura e Sussidiarietà”, con l’obiettivo di far emergere, il ruolo del cosiddetto terzo settore nella gestione e promozione della cultura nella nostra regione. Si tratterà di scandagliare fondazioni, associazioni, gruppi di volontari e singoli volontari, cercando di far emergere un quadro innovativo, e, siamo sicuri, sorprendente, dell’impegno civico profuso dai cittadini Veneti per il loro patrimonio culturale, a tutti i livelli.

L’obiettivo dell’indagine è di far emergere problematiche e potenzialità del settore, nel tentativo di ridefinire un nuovo modello di sviluppo, consci che le fasi di crisi, com’è quella attuale, possano rivelarsi preziose per la capacità che hanno di mettere in discussione approcci tradizionali, oramai sorpassati, e di sollecitare progetti innovativi che divengono fondamentali per il superamento della crisi stessa.